Alluminio e architettura: 3 elementi chiave per un design sostenibile

Alluminio e architettura: 3 elementi chiave per un design sostenibile

Immagina di avere a disposizione un metallo leggero ma, allo stesso tempo, forte, resistente alla corrosione, non tossico e durevole, che può essere modellato potenzialmente in qualsiasi forma desiderata. Nella realtà esiste: stai pensando di costruire con l’alluminio.

 

Alluminio e architettura: una storia lunga un secolo

La storia dell’alluminio nel mondo dell’architettura è relativamente recente. In realtà, il materiale finito risale alla fine del 19° secolo, ma fino agli anni Venti non era molto utilizzato a causa degli alti costi di produzione. Dagli anni Trenta in poi, l’uso dell’alluminio nell’edilizia e nell’architettura si è gradualmente affermato. Tuttavia, per un uso estensivo dell’alluminio nell’edilizia, dobbiamo arrivare alla metà del 20° secolo. Uno dei primi esempi di utilizzo dell’alluminio in architettura è l’Empire State Building, una delle icone mondiali dell’Art Déco.

Inaugurato nel 1931, il grattacielo di New York è uno dei primi edifici in cui l’alluminio è stato utilizzato sia come elemento della struttura portante, sia con una funzione decorativa nel design interno. In origine, l’alluminio fuso fu usato per le ringhiere esterne, con un motivo decorativo sulla superficie. La costruzione delle balaustre richiedeva trecento tonnellate di alluminio. Molto più recentemente, negli anni Novanta, l’alluminio è stato utilizzato per sostituire tutti i telai delle finestre del grattacielo, danneggiati dal tempo e dalle intemperie. L’alluminio è molto usato anche all’interno dell’Empire State Building, come decorazione, sulle pareti e sul soffitto della Grand Lobby.

Ma facciamo un passo indietro al 1923. In quell’anno fu scoperta l’ossidazione, un processo che è in grado di aumentare drasticamente la resistenza alla corrosione dell’alluminio e impedisce anche che il suo colore cambi. L’ossidazione ha permesso alle finestre e alle porte esterne del grattacielo di New York di durare più di sessant’anni. È quindi facile affermare che l’Empire State Building è uno dei migliori esempi di alluminio anodizzato resistente alla corrosione.

Allo stesso modo, gli uffici degli edifici milanesi di Montecatini, progettati dall’architetto di fama mondiale Gio Ponti negli anni Trenta, sono un altro esempio di alluminio anodizzato resistente alla corrosione che è stato utilizzato per i telai delle finestre, complanari alla facciata e per le finiture e gli arredi. Uno sguardo alla cupola della Chiesa di San Gioacchino nel quartiere Prati di Roma, invece, mostra che l’alluminio era già in uso come elemento architettonico alla fine del 19° secolo e, allo stesso tempo, l’attuale colorazione della cupola è un chiaro esempio di come cambia una superficie di alluminio senza anodizzazione.

In generale, a partire dagli anni Trenta, ci furono diversi esperimenti con l’alluminio architettonico negli Stati Uniti e anche in Europa. Buckminster Fuller progettò una casa sperimentale interamente in alluminio, la Dymaxion House. Il progetto mirava a dimostrare l’efficienza dell’alluminio nella costruzione di strutture da assemblare e smontare facilmente per una logistica più efficiente ed economica.

 

Leggerezza e resistenza per l’architettura del futuro, grazie all’alluminio

Oggi l’alluminio è ancora più performante e, quindi, ancora più utilizzato, sia in architettura che nel design. Le sue proprietà lo rendono altamente versatilee ideale per diversi tipi di progetti. La leggerezzaè senza dubbio uno dei requisiti che lo rende più attraente: l’alluminio ha un peso specifico di circa un terzo dell’acciaio o del rame. Non solo, l’alluminio non è soggetto a corrosione, grazie a un sottile strato di ossidazione che la previene. Infine, l’alluminio è altamente malleabile e duttile, quindi è facile da lavorare.

 

L’utilizzo dell’alluminio in architettura come chiave per un design sostenibile

Negli ultimi decenni, l’attenzione alla sostenibilità è stata più viva che mai, e questo è uno dei motivi per cui l’alluminio è sempre più popolare. Ecco tre elementi chiave che rendono l’alluminio superiore ad altri materialinella progettazione sostenibile.

Prima di tutto, l’alluminio ha un’origine naturale, ed è una delle risorse più abbondanti sulla Terra. Proviene principalmente dalla bauxite, attraverso un processo che un tempo era molto dispendioso in termini di energia. Tuttavia, in tempi recenti, tecnologie sempre più avanzate hanno permesso di ridurre sempre di più il consumo di energia, raggiungendo un’impronta di carbonio di 4 kg di CO2 per kg di alluminio dagli oltre 8 kg di un secolo fa.

Uno dei pregi più importanti dell’alluminio è la sua riciclabilità. L’alluminio, infatti, può essere riciclato praticamente all’infinito, senza perdita di qualità. Ed è per questo che è ancora più ricercato. Dato che è stato utilizzato in architettura e nel design d’interni per circa un secolo, oggi, c’è molto materiale da riciclare. In seguito, l’alluminio architettonico diventa una delle principali risorse per l’abbondanza di materiale primario e una grande quantità di materiale adatto al riciclaggio.

Per riassumere, per le sue qualità l’applicazione dell’alluminio nel campo dell’architettura conferisce un’infinita libertà creativa all’architetto, rendendo possibile la creazione di molte strutture mantenendo un occhio alla sostenibilità.

New call-to-action